10 DOMANDE A… Anasma

L’idea di pubblicare qualche intervista alle danzatrici è iniziata come un gioco, come quattro chiacchiere tra amiche, così, per conoscerci meglio e vedere cosa abbiamo in comune. Poi ci siamo accorte di avere intorno a noi persone veramente speciali, persone che nel loro piccolo o sui grandi palcoscenici del mondo stanno cercando di fare qualcosa di unico e originale per diffondere quest’arte che amiamo tanto, con passione, costanza e incredibile umiltà.
E questa volta l’abbiamo pensata veramente in grande, e abbiamo intervistato una danzatrice che non ha veramente bisogno di presentazioni: la grandissima, unica e meravigliosa Anasma. Sono parole talmente belle che abbiamo deciso di pubblicarle anche in lingua originale. Grazie mille ad Anasma per aver condiviso con sincerità i suoi pensieri e ricordi, ne faremo tesoro.
Enjoy!
[in copertina: Anasma, foto di Jorge Dengo]

1. What made you start dancing?
I started dancing at age five, like many little girls, taking Ballet classes. I loved dancing so much!!! I was dancing everywhere, in the corridor with my neighbourghs when my mother had a conversation with them, in the living room with my best friend on Michael Jackson’s tunes and Dirty Dancing, in the airports when we were waiting on the line… As a teen, I always felt better on the dance floor and theater classes and on stage than with people of my school. I identified with my extra curricular activities as an artist. I dreamed of being a professional dancer/singer/actress one day as an adult… I took dance on and off ut more on than off throughout school years, as I got bored after three years of Classical Ballet barre and my teacher said I was too young to go on points to my next challenge. So i tried many disciplines… Piano, theater. But dance came back soon in my life with Modern Jazz… And when i was 14, I started being curious of my Tunisian origins. I did not speak Arabic but fell in love with oriental dance and music at my cousin’s wedding in Tunis. When i got home in Paris, I decided to start Bellydancing. Soon I was part of my teacher’s troupe performing in restaurants, weddings, festivals… I always kept dancing and being onstage even though I studied business management. I’ve always started dance styles because I have been strongly inspired by an amazing artist of that style and feel I want to get the same tools, as I stay myself.
 . 1. Cosa ti ha spinto a iniziare a ballare?
Ho iniziato a ballare all’età di cinque anni, come tante bambine, prendendo lezioni di danza classica. Mi piaceva tantissimo ballare!!! Ballavo ovunque, nel corridoio con i vicini quando mia madre parlava con loro, in salotto con la mia migliore amica su brani di Michael Jackson e Dirty Dancing, negli aeroporti aspettando di imbarcarci… Da adolescente, mi sono sempre sentita meglio in discoteca, nei corsi di teatro e sul palco che con i ragazzi della mia scuola. Nelle mie attività extra-curriculari mi definivo artista. Sognavo di essere un giorno, da adulta, una danzatrice professionista / una cantante / un’attrice… Ho intrapreso e lasciato la danza negli anni di scuola, poiché dopo tre anni di danza classica alla sbarra ho cominciato ad annoiarmi e il mio maestro mi ha detto che ero troppo giovane per salire sulle punte. Così ho provato molte discipline… Pianoforte, teatro. Ma la danza è tornata presto nella mia vita con il Modern Jazz … E quando avevo 14 anni, le mie origini tunisine hanno iniziato a incuriosirmi. Non parlavo arabo ma mi sono innamorata della danza e della musica orientale al matrimonio di mio cugino, a Tunisi. Quando sono tornata a casa a Parigi, ho deciso di iniziare danza del ventre. Presto sono entrata a far parte della troupe della mia insegnante e ci esibivamo in ristoranti, matrimoni, feste… Ho sempre continuato a ballare e stare sul palco, anche se ho studiato Business Management. Ho sempre intrapreso nuovi stili di danza perché mi sentivo fortemente ispirata da un artista particolare di quello stile e mi sento di voler ottenere gli stessi strumenti, pur rimanendo me stessa.
2. What is your biggest inspiration? Inspiration comes from everywhere. Emotions, storylines, images, character development, pure stylistic and movement research, music, a movie/series/ TV, books, painting, other amazing artists who work hard, a flower, an insect, all animals!, theater improv exercices, anatomy books… anything! Great teachers of course have been a huge inspiration. I love when I am invited to work on a theme in a show, festivals. It makes me create new art and workshop topics… 2. Qual è la tua maggiore fonte di ispirazione?
L’ispirazione viene da ogni cosa. Emozioni, storie, immagini, sviluppo dei personaggi, pura ricerca stilistica e del movimento, musica, un film / una serie TV, libri, pittura, altri artisti incredibili che lavorano sodo, un fiore, un insetto, tutti gli animali! Esercizi di improvvisazione di teatro, libri di anatomia … qualsiasi cosa! Naturalmente sono stati un’enorme ispirazione alcuni grandi insegnanti. Mi piace quando sono invitata a lavorare su un tema in uno spettacolo o festival. Mi permette di creare nuova arte e nuovi argomenti per i miei workshop…
3. Which dance style do you prefer?Asking which dance style I prefer is tough because i love so many… I feel if I had to do only one till the end of my life, i would get bored. Currently, Contemporary and Modern Jazz are huge sources of inspiration and exploration.Bellydance and popping gave me isolation skills and special effects, West African brought me globality and high energy with roots from the earth, Flamenco lots of pride and fierceness and challenging footwork and rhythm and coordination, Ballet elegance and length, Yoga brought me balance, calm and physical challenges, pantomime nourished my creativity and inspiration from any gesture of life, wushu brought stamina and esthetic powerful warrior energy, salsa brought me a capacity to follow guidance and cool footwork… Every dance has something strong as long as you dedicate yourself to them. 3. Quale stile di danza senti più tuo? Chiedere che stile di danza preferisco è difficile perché ne amo così tanti… sento che se dovessi sceglierne uno solo fino alla fine della mia vita, mi annoierei. In questo momento sono grandi fonti di ispirazione e di esplorazione la danza contemporanea e il Modern Jazz. La bellydance e il popping mi hanno dato abilità di isolamento ed effetti speciali, l’afro mi ha portato globalità e ad alta energia con le radici dalla terra, il flamenco orgoglio, fierezza e impegno nel lavoro dei piedi, nel ritmo e nella coordinazione, la danza classica l’eleganza e la lunghezza delle linee, lo yoga mi ha portato equilibrio, calma e sfide fisiche, il mimo ha nutrito la mia creatività e l’ispirazione da ogni gesto della vita, il wushu ha portato resistenza e grande energia da guerriero, la salsa mi ha dato la capacità di seguire le indicazioni ed un bellissimo lavoro di piedi… Ogni danza ha qualcosa di forte finché ci si dedica con impegno.
4. What’s your favourite music to dance to at the moment?
Favourite music to dance to… Also a difficult one. I love electronic music a lot, hip hop, instrumental and beats music too. Also lyrical and orchestral music with piano, violin, flute move me. Jazz, Orchestral Egyptian music… I also appreciate any sort of live music, I find magical the connection within a band and with the dancer. As a singer, I love soul, pop and musical comedy.
4. Su quale musica balli più volentieri al momento?
Musica preferita per ballare… altra domanda difficile. Amo molto la musica elettronica, l’hip hop strumentale e beat. Anche la musica lirica e classica con pianoforte, violino e flauto. Il jazz, la musica orchestrale egiziana… Mi piace qualsiasi tipo di musica dal vivo, trovo magica la connessione all’interno di una band e con i danzatori. Come cantante, mi piacciono la soul music, il pop e i musical.
BellydanceDance orientalRaqs SharqiBauchtanzOrientalischer Tanz
Anasma, foto di Andre Elbing
5. What are your favorite memories of dance?
Performing for an audience of hip hop lovers, teenagers as a bellydancer and getting vocal appreciation, as they either love you or hate you and let you know while you are on stage. Getting to dance salsa at the tribute to Tito Puente concert in front of 6000 at the Parisian Zenith people was a huge honour. Travelling to Cameroun to dance for the wife of the president in an hour show with many pieces of all dance kinds was an amazing experience when I was nineteen. Performing the Prince Charming piece in the UK congress in 2009 had people stand in ovation and it was amazing reward for my research and work. Taking seminars in dance meditation was fantastic and any moment of pure improv really is jewel, a connection to god, the universal self. It transports me as much as those who watch. Once I perfomed angry of being there, jetlagged and exhausted, and decided to dance for me only, for my inner child rather than always dance for the people. Of course I shared a bit with them but it was mostly for me… And it was like a diamond night. Liberating. Another time, I performed after a bus accident, my gratitude to be alive and healthy. Dancing in the mountains with villagers with my sister and my mother in Burma was a wonderful moment of spontaneity and exchange with people we could not talk to but smile to and hold hands with. Dancing a few days after my father passed away, in my living room and in front of my family was so liberating for all of us and way to be in touch with my dad so strongly and spontaneously. We could feel his presence. Dancing has been also so powerful each time I tought a workshop and we all felt in the room together along with students that we travelled to another place, we carried and lifted to highs! Since 2006, I have gotten the chance to dance around the world and realise one of my dreams and this a big blessing. Thank you Life! For this gift of dance. Dance now is in my life everyday, for a year, as I take a year long professional dance training… I take it as a prayer , blessing and a way to know myself better. Express myself with more freedom and tools… And delve inside of my soul. Thank you for this great question!!!!!!
5. Qual è il tuo ricordo più bello legato alla danza?
Ballare danza orientale per un pubblico di adolescenti appassionati di hip hop, e ottenere il loro consenso, perché loro o ti amano o ti odiano e te lo fanno capire mentre sei sul palco. Ballare salsa al concerto tributo per Tito Puente davanti 6000 persone allo Zenith di Parigi è stato un grande onore. Andare in Camerun quando avevo diciannove anni per ballare per la moglie del presidente in uno spettacolo di un’ora con pezzi di ogni tipo di danza è stata un’esperienza gratificante. Eseguire il pezzo del Principe Azzurro nel congresso Regno Unito nel 2009 ed ottenere una standing ovation è stata una ricompensa incredibile per il mio lavoro di ricerca. Fare seminari di danza meditativa è stato fantastico e ogni momento di improvvisazione pura è davvero un gioiello, un collegamento con dio, con il sé universale. Lo vivo con lo stesso trasporto di chi guarda. Una volta ho ballato arrabbiata, stanca ed esausta per il jetlag, e ho deciso di ballare solo per me, per il mio bambino interiore, piuttosto che danzare sempre per il pubblico. Naturalmente ho condiviso un po’ con il pubblico ma ho ballato soprattutto per me stessa… ed è stata una notte preziosa come un diamante. Liberatoria. Un’altra volta ho ballato, dopo un incidente d’autobus, la mia gratitudine per essere viva e in salute. Ballare nelle montagne della Birmania con gli abitanti dei villaggi con mia sorella e mia madre è stato un momento meraviglioso di spontaneità e di scambio con le persone, non siamo riusciti a parlare, ma sorridevamo e ci tenevamo per mano. Ballare pochi giorni dopo la morte di mio padre, nel mio salotto e davanti alla mia famiglia, è stato così liberatorio per tutti noi e un modo di essere in contatto con mio padre in modo davvero forte e spontaneo. Potevamo sentire la sua presenza. La danza è stata anche potente ogni volta che ho tenuto un workshop e l’abbiamo sentito tutti nella stanza che stavamo viaggiando verso un altro posto, inalzandoci! Dal 2006 ho avuto la possibilità di ballare in tutto il mondo e di realizzare uno dei miei sogni e questa è una grande fortuna. Grazie Vita per questo dono della danza! La danza è ora nella mia vita di ogni giorno, da un anno, poiché sto facendo un corso di formazione professionale di danza della durata di un anno … La prendo come una preghiera, una benedizione e un modo per conoscere meglio me stessa, per esprimermi con maggiore libertà e strumenti … E scavare dentro la mia anima. Grazie mille per questa domanda !!!!!!
Anasma r photo by Joe Marquez 004
Anasma, foto di Joe Marquez
6. What do you think about when you perform?
When I perform I try to feel as much as I can and think the least I can… But of course the shutter box is on… in that case, I create a dialogue better the body and mind as much as possible and try to have moments where the body directs and decides where it wants to go before the head directs and controls. Usually setting an intention to the piece helps a lot when I get lost. Setting a structure of improv is key. So I check in. I tell myself a story (this gesture means this), and this is where a certain event triggers the next emotion… Of course, sometimes, I judge myself… sometimes. I say: “Fuck why didn’t I edit this music”, other ” Wow it was too short”. I love performing with live musicians improving too. Connecting with them in this case is important. Having FUN is super important. And I know that whatever I feel, audience can receive that. When I have fun, confidence, a moment with god I know they get it. When I am judging, in fear, in lack of self love and respect, I also know they can percieve… Usually. Hopefully technique makes up for it after the years and can cover up shitty feelings but it’s always so amazing when we all get into the zone altogether and i can be the vessel for the voyage.If I perform a choreo I often think of the next move… Which is a trap taking me out of the present moment… Which is why I love improv… But some days improv is not there and choreo feels much more confortable. Ànd I also love choreo because it gives me the occasion to research and give the best I can and challenges and confort to repeat and solidify… Usually if I sleep less or have jetlag , or a bad period in life, I don’t perform as well… But it’s surprising… I’ve performed with extreme fatigue and wanting to cry or angry and it was also super magical… As long as I am in touch with the present moment… Good or bad… The keys is not try to reproduce… Just be there.
6. A cosa pensi mentre ti esibisci?
Quando ballo provo a sentire il più possibile e a pensare il meno possibile… Ma naturalmente è difficile… in tal caso caso, cerco di creare il miglior dialogo possibile tra il corpo e la mente e cerco di creare momenti in cui il corpo comanda e decide dove vuole andare prima che la testa controlli tutto. Di solito l’impostare l’intenzione di un pezzo mi aiuta molto se mi perdo. La chiave è dare una struttura all’improvvisazione. E allora ne entro in possesso, mi racconto una storia (“questo gesto significa questo”), e così un certo evento innesca l’emozione successiva … Naturalmente, a volte, giudico me stessa… a volte. Mi dico: “Cazzo perché non ho modificato ‘sta musica”, e altre volte “Wow era troppo breve”. Amo anche improvvisare con musicisti dal vivo. In questo caso è importante sintonizzarsi con loro. Divertirsi è super importante. E so che qualunque cosa io provi, il pubblico può sentirlo. Quando mi diverto e sono sicura di me so che lo percepiscono. Ma so che percepiscono anche quando mi sto giudicando, ho paura, manco di amor proprio e di rispetto… Di solito. Per fortuna la tecnica ottenuta in anni di lavoro compensa questo problema e può coprire sensazioni schifose ma è sempre così sorprendente quando tutti siamo tutti nella stessa zona ed io posso essere la nave per il viaggio. Se eseguo una coreografia penso spesso alla mossa successiva… che è una trappola che mi porta lontano dal presente … È per questo che mi piace improvvisare … Ma alcuni giorni l’improvvisazione non va, e ballare una coreografia mette più a proprio agio. Mi piace anche ballare coreografie perché mi dà l’occasione di ricercare e dare il meglio che posso ed è una sfida ed un conforto ripeterla e consolidarla… Di solito se dormo poco o ho il jetlag, o è un brutto periodo nella vita, non ballo così bene… Ma è sorprendente … Ho ballato anche con estrema fatica e voglia di piangere o arrabbiata ed anche quelle volte è stato davvero magico… Finché sono in contatto con il momento presente … Bene o male… La chiave di tutto non è cercare di riprodurre ma… Basta essere lì.
7. Do you have a dance motto, or philosophy, or mantra?
A mantra: be present. Be here in your feet, in your breath, in your feeling, clear with your intention. Have fun. On another note, how can you grow and always do more? But I am learning how to balance this… As a Yoga teacher and artist and singer I need balance and rest and letting go, letting myself be without deciding and pushing all the time, in order to be able to grow and develop in dance… Keep pleasure.
7. Hai un motto, una filosofia, un mantra legato alla danza?
Un mantra: essere presente. Essere nei tuoi piedi, nel tuo respiro, nel sentimento, trasparente con la tua intenzione. Divertirsi. E anche: come si può crescere e sempre fare di più? Ma sto imparando come equilibrar le due cose… Come insegnante di yoga e artista e cantante ho bisogno di equilibrio e di riposo e di lasciare andare, permettermi di essere me stessa senza decidere e spingere sempre al limite, in modo da essere in grado di crescere… Mantenere il piacere di farlo.
 
8. Do you have any suggestion for someone who wants to start dancing? What I say to someone starting dance: all of the above: have fun. Be safe and healthy but at the same time push your limits to know what they are. Dance should make you feel good, spiritually, physically, emotionally… Later I will ask: what do you want to say, why chose this way of saying it? And are you still keeping pleasure? 8. Che consigli daresti a qualcuno che vuole cominciare a ballare?
Ecco cosa dico a chi comincia  a ballare: quanto sopra: divertiti. Stai attento a non farti male, ma al tempo stesso spingi i tuoi limiti per capire quali sono. La danza dovrebbe farti sentire bene, spiritualmente, fisicamente, emotivamente… Più tardi chiederò: cosa vuoi dire, perché ha scelto questo modo di dirlo? E hai ancora il piacere di farlo?
9. What are you future projects and goals?
Future projects and goals: keep growing as a dancer and teacher, singer, artist… person! Keep being on stage and teaching classes in Paris and workshops internationally. I wish to keep sharing my work and inspire people from all over the world, not only in Bellydance and tribal world but also other fields, Urban, Modern, Contemp, theater, yoga… Let’s see what life brings. Set longer terms projects with cities, dancers, schools to build together projects. Maybe one day launch a studio and an instructional online collection…slowly but surely working on it. Slower than I thought:) life is short and I need to enjoy 🙂 🙂 Bring dance to the corporate world to help non dancers feeling better in their bodies and open creatively. Audition for shows as a singer and a dancer. Keep promoting my show “1984…now” and bring it internationally. Maybe create another show someday but I feelt this one is already a great line to develop artistically and production wise. It’s an important show in nowaday’s world. Keep working with inspiring artists on stage, in rehearsals, to co create amazing art that inspires audiences. Currently i get the chance to work with friends and inspiration, Linda Faoro, Piny Orchidaceae. Tjarda. Dominique Lesdema. Marco Obellix. Acro yoga artists… Maybe produce a few events myself where I can promote amazing talent and create a space for exchange, but only if I can sustain myself and feel inspired as much as the effort i put in and find a good financial model.
9. Che progetti hai per il futuro?
Progetti e obiettivi futuri: continuare a crescere come ballerina e insegnante, cantante, artista … e persona! Continuare a stare sul palco e insegnare nelle mie classi a Parigi e nei workshop internazionali. Vorrei continuare a condividere il mio lavoro e ispirare persone provenienti da tutto il mondo, non solo nella bellydance e nella tribal, ma anche di altri campi, Urban, Modern, contemporaneo, teatro, yoga … Vediamo un po’ cosa ci porta la vita. Fare progetti a più lungo termine con nuove città, danzatori, scuole, per costruire progetti insieme. Forse un giorno fondare uno studio e corsi online … lentamente ma sicuramente ci sto lavorando.. Più lentamente di quanto pensassi 🙂 la vita è breve e devo anche godermela 🙂 Portare la danza nel mondo aziendale per aiutare i non ballerini a sentirsi meglio nei loro corpi e ad aprirsi in modo creativo. Fare audizioni come cantante e ballerina. Promuovere ancora il mio spettacolo “1984… ora” e portarlo a livello internazionale. Forse creare un altro spettacolo, un giorno, ma sento che uno è già tanto da sviluppare e produrre pr bene. Si tratta di uno spettacolo importante nel mondo odierno. Continuare a lavorare con artisti che mi ispirano sul palco, durante le prove, per creare dell’arte meravigliosa che ispiri il pubblico. Attualmente ho la possibilità di lavorare con amici e con ispirazione: Linda Faoro, Piny Orchidaceae. Tjarda. Dominique Lesdema. Marco Obellix. Acro yoga … Forse produrre alcuni eventi mi dove posso promuovere nuovi talenti e creare uno spazio per lo scambio di idee, ma solo se posso permettermelo e sentirmi ispirata quanto lo sforzo e gli oneri che ci metto.
10. What did you want to be as a child when you grew up?
Pierre, my beloved husband, found by chance a book on a shelf at home that I filled up when I was ten… The book was asking this same question as you :)… Well it was amazing to read a few weeks ago what I wanted to do back then … When I was a kid I wanted to be a dancer, singer, actress… And this is what I have become today. A dancing storyteller 🙂 and singer. I started singing three years ago when I recorded my album Chance Is Back. It’s available on Itunes and CdBaby, and Deezer 🙂 if you want to see the music video, it is called “Ocean Elevation”, on youtube. Now I want to audition in Musicals, it would be perfect for me, one day maybe, I get to perform with live musicians… as a singer 🙂 Actress, I am often given the theatrical role (sometimes the first role 🙂 ) in dance shows, sometimes even with text. Let’s see what life opportunities brings next. I’m open to it all. Life is beautiful.
10. Quando eri bambina, cosa avresti voluto fare?
Pierre, il mio amato marito, ha trovato per caso un libro su uno scaffale a casa che ho riempito quando avevo dieci anni … Nel libro veniva chiesta la stessa vostra domanda 🙂 … Beh, è ​​stato incredibile leggere poche settimane fa quello che volevo fare allora… Quando ero una bambina volevo essere ballerina, cantante, attrice… E questo è quello che sono diventata oggi. Un narratore danzante 🙂 e una cantante. Ho iniziato a cantare tre anni fa, quando ho registrato il mio album Chance Is Back. È disponibile su Itunes e CdBaby, e Deezer 🙂 se volete vedere il video, si chiama “Ocean Elevation”, è su youtube. Ora voglio fare un provino in un musical, sarebbe perfetto per me, forse un giorno potrò esibirmi con musicisti dal vivo … come cantante 🙂 In quanto attrice, negli spettacoli di danza mi viene dato spesso il ruolo più teatrale (a volte il ruolo principale 🙂 ), a volte anche recitato. Vediamo quali sono le opportunità che la vita mi porterà. Sono aperta a tutto. La vita è bella.

AWCDSchool HORIZONTAL FINAL by ANASMA---anasmadance.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...